Fipronil in Italia, contaminate anche patate e pasta

patate pasta Fipronil

Dopo le uova e i prodotti derivati, trovate patate e pasta contaminata: lo scandalo dell’insetticida si estende, cosa mangiare? Nuovi aggiornamenti del Ministero della Salute, ma Altroconsumo vuole le dimissioni del Ministro Beatrice Lorenzin.

Patate e pasta al Fipronil, Lorenzin verso le dimissioni?

Dopo le uova dei Paesi Bassi contaminati dal Fipronil, lo scandalo si è esteso in tutta Europa, fino in Francia e da poco anche in Italia. Uova e prodotti derivati sono stati esaminati per trovare tracce del potente insetticida, deleterio per la salute umana, ma le brutte notizie non sono finite. Pare che dopo la contaminazione da Fipronil, dei prodotti derivati dalle galline, anche pasta e patate siano risultate positive ai controlli.

Patate e pasta contaminate dal Fipronil

Un lotto di patate delfino e quattro tipi di pasta fabbricata in Francia con uova provenienti dal Belgio e dall’Olanda sono stati inseriti dal Ministero dell’Agricoltura nella lista dei prodotti contaminati dal Fipronil. Praticamente, l’azienda olandese Cickenfriend di Baneveld ha provocato la contaminazione in quanto produce antiparassitari, e ha utilizzato questo pesticida per debellare certi parassiti. Si teme molto che i prodotti contaminati possano passare dalla Francia all’Italia, visto che anche alcuni lotti di uova con insetticida sono riusciti ad arrivare fino al Belpaese. Il Fipronil è un pesticida usato fino a qualche tempo fa ed era utilizzato anche per combattere gli scarafaggi, le termiti e i parassiti degli animali domestici, ma studi hanno dimostrato che a dosi elevate può essere pericoloso per la salute. Un po’ come è successo con il DDT e l’amianto, veri e propri veleni per il corpo umano. D’altronde, cani e gatti hanno manifestato comportamenti aggressivi, danni ai reni e alla tiroide e cancro alla vescica, nonostante l’antiparassitario era per uso topico per le pulci una o due volte all’anno.

Fipronil, denuncia e dimissioni ministro Lorenzin

La presenza del Fipronil in uova, ovoprodotti e alimenti che li contengono è monitorata dal Ministero della Salute, il quale fornisce gli ultimi dati, aggiornati anche con quelli forniti dal Comando Carabinieri della Salute. Ma nonostante non ci sia un allarme grave e un pericolo per la salute concreto in Italia, il Codacons vuole la testa del Ministro Beatrice Lorenzin. Dopo lo scandalo delle uova al Fipronil e dopo la notizia delle patate e della pasta contaminati, sia lei, sia il Ministro Gentiloni non hanno segnalato tempestivamente agli italiani la situazione di pericolo, facendo sì che i consumatori non comprassero i prodotti, esponendoli a un rischio diretto. E propone di denunciare entrambi per concorso nei reati di immissione in commercio di prodotti tossici.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*